Qualunquemente film completo online dating

Rated 4.44/5 based on 578 customer reviews

Perch i comici se scoprono i denti per ridere , non per divorarti come quei rettili acquatici che la laguna non la solcano ma ci sguazzano, disprezzando la verit, opponendosi sfacciati alle istituzioni e alla Legge, esibendo se stessi come un io forte e onnipotente, valendosi dei corpi femminili come strumenti di godimento, rifiutando ogni limite, ignorando il pudore e il senso di colpa.

Albanese ci (ri)prova ma davanti a 'cavalieri', compari e cortigiani destinato a fallire. Ma come il suo paradigma immorale dovrebbe smettere di godere all'accendersi delle luci e decidersi a spegnerle.

Pi a Nord (Est), Rodolfo Favaretto coltiva il sogno della secessione, vagheggiando l'Austria e trafficando clandestini.

Denunciato da uno dei suoi braccianti neri, creduto morto e buttato in mare, Rodolfo viene arrestato.

Anche questa volta la finzione impotente di fronte al compito di rappresentare la cronaca politica italiana, affollata di 'papi' e 'papi-girls'.

A questo giro per, gi svilito dalla ripetizione di maschere ben sedimentate negli occhi del pubblico tra cinema e Tv, le cose vanno peggio.

Lontano dall'Italia invece Frengo Stoppato fugge alla giustizia e a una madre ingombrante e devota, che lo sogna casalingo e beato.

» Antonio Albanese dice che questo suo ultimo film non un endorsement a Beppe Grillo. Definito dai critici quasi amici un cinepanettone di sinistra, Tutto tutto niente niente triplica gli exploit gi realizzati dal (dis)onorevole protagonista di Qualunquemente aggregando al rodato mafioso forzaitaliota Cetto lo strafatto Frengo con mamma beghina e il bossian-secessionista Favaretto con mamma vestita alla tirolese: un terzetto di mostri rubati ai dibattiti tv che vorrebbero intensificare il fuoco dell'attacco alla casta un po' tardivamente aperto dal regista/attore di scuola Mai dire gol, ma, in realt, puntano dritti al bottino del box-office natalizio sfruttando il grado zero del sentimento popolare.

La risata allora non scongiura ma congiura una nuova 'discesa in campo', bruciata da troppo reale e da un ko tecnico che congeda i tecnici e riaffiora i caimani.

Stando cos le italiche cose, l'opulenta miseria morale dei tre 'politici', interpretata con mestiere da Albanese, si riduce a un inerme defil di maschere e abiti di scena che vestono modi cafoni e mondi faraonici.

Sar un Sottosegretario, autorevole e maneggione, a rimetterli in libert e al servizio di un Presidente del Consiglio di poche parole e smodato appetito.

Entrati (il)lecitamente nella politica romana per garantire in parlamento voti e privilegi al partito di appartenenza, Cetto, Rodolfo e Frengo finiranno per comprometterne potere ed equilibrio.

Leave a Reply